il nostro partner per la cultura

Vivi Ponza itinerario in dettaglio

vivi ponza

Biglietto tutto incluso: nave jet veloce Terracina Ponza Terracina + Crociera in motobarca turistica

ASSISTENZA IN PARTENZA DA TERRACINA ED IN ARRIVO A PONZA

MARINAIO-CICERONE

PRIMO PIATTO A BORDO, VINO/ACQUA/CAFFE

SOSTE BAGNO IN LUOGHI FANTASTICI

 

orari e giorni di partenza 2018 nave jet veloce + Crociera

PERIODO FREQUENZA DA TERRACINA TEMPO CROCIERA DA PONZA
01 GIU - 17 GIU VEN-SAB-DOM/FEST ore 08.40 NO ore 18.30
18 GIU - 09 SET GIORNALIERO ore 08.40 ore 11.00 - 16.00 ore 18.30
14 SET - 30 SET VEN-SAB-DOM ore 08.40 NO ore 17.15

 

 

 

 

 

nave jet veloce (60' navigazione) Terracina/Ponza/Terracina + la Crociera Vivi Ponza in motobarca turistica accompagnati da marinaio-cicerone, dedicata al periplo in dettaglio dell'isola di Ponza. L'isola è costituita da rocce vulcaniche, caratterizzate da sfumature di colori molto variegati e suggestivi. L’itinerario in barca offre al visitatore la possibilità di ammirare uno stupefacente alternarsi di baie, cale, insenature, scogli, faraglioni e grotte marine che contrassegnano tutta la costa, piuttosto frastagliata. Partendo dal porto, il pèriplo dell’isola si effettua in senso orario. La prima meraviglia che si presenta alla vista è ciò che rimane di un’antica opera romana: le grotte di Pilato, note anche come murenaio romano, facenti parte di una suntuosa residenza imperiale. L’impianto marino comprende quattro vasche coperte, collegate tra loro da un sistema di cunicoli sottomarini e nicchie ricavate nella roccia destinate all'alloggiamento delle statue di divinità pagane. Le grotte portano il nome di Pilato, scapestrato rampollo di una nobile famiglia romana, inviato a Ponza dai governatori di Roma, con l’incarico di sedare una rivolta. Proseguendo la navigazione incontreremo l’arco dei Topazi, il promontorio e i faraglioni della Madonna, che prendono il nome da un’antica effigie raffigurante la natività della Vergine, custodita in una chiesetta, poi ricostruita, e attuale Cappella del Cimitero. Seguono, la grotta di Ulisse che, sebbene piccola, vi si riflettono stupefacenti giochi di luce, la zona della Parata vecchia, i faraglioni del Calzone Muto, la baia del bagno Vecchio, luogo in cui i Borbone vi stabilirono il dormitorio dei forzati, qui deportati per l’esecuzione del piano di colonizzazione. Tra il verde della macchia mediterranea, spicca la zona costiera della Scarrupata. Nella parte più meridionale dell’isola, incontreremo il faraglione della Guardia che prende il nome dal sovrastante monte, la cui cima è la più alta dell’isola (m 279) e subito dopo il suggestivo promontorio del Faro. In località punta del Fieno , si possono ammirare dal mare gli spettacolari vigneti a terrazzamento e subito dopo giungeremo nell'affascinante baia di Chiaia di Luna con la sua maestosa falesia di tufo bianco-giallo, un incanto della Natura. La baia offriva, già ai Romani, un importante riparo, quando infuriava il Levante e nel porto non si poteva approdare. La nostra navigazione prosegue lentamente sino ad entrare nella mitologica grotta della Maga Circe che, secondo la leggenda, incantò l’eroico Ulisse. Proseguendo verso nord, si presentano alla vista, con tutto il loro fascino, le bianche rocce di capo Bianco, l’affascinante omonima grotta; a seguire la suggestiva grotta delle Streghe e l'incantevole baia di Lucia Rosa con la sua spiaggia ciottolosa ed i Faraglioni. Il nome è legato a una giovane fanciulla, Lucia Rosa, che vi perse la vita gettandosi dall’alto, per un amore impossibile: lei di famiglia ricca e nobile, lui un semplice ed umile pescatore. Ora è la volta dei faraglioni di capo Bosco, le famose piscine naturali, la graziosa cala Feola ed il singolare scoglio della Tartaruga, per la sua sagoma molto somigliante all'animale. Eccoci giunti a cala dell’Acqua, nella zona della cava dismessa, per l'estrazione di caolino e bentonite; segue il promontorio di forte Papa, sulla cui sommità svettano i resti della costruzione militare voluta dai Farnese, proprietaria dell’isola, allo scopo di assolvere funzioni di difesa. Proseguendo con la navigazione, costeggero cala Cecata, la grotta del Corallo, cala Fonte, punta Incenso e cala Felci; quest’ultima trae il nome dalle erbe officinali che crescono nella zona ed un tempo utilizzate dai monaci presenti sull'isola. La circumnavigazione prosegue sul versante est dell’isola, passando per il vicino isolotto privato di Gavi; la grotta del Bue marino, cala Gaetano, cala Aprea e l'affascinante Arco naturale, un suggestivo faraglione a forma di arco. Non molto distante, si può vedere lo scoglio Aniell'Antonio e cala Inferno, nelle cui acque affiora la prua di una nave mercantile, affondata in passato durante una tempesta. Dal mare, è possibile intravedere parte dell'acquedotto romano le cui acque confluivano in grosse cisterne nella zona del porto. Siamo giunti a cala del Core e l’omonima grotta; successivamente incontreremo le rovine di un antico fortino borbonico, la spiaggia del Frontone, lo scoglio della Ravia, il variopinto borgo di Santa Maria e le grotte Azzurre. Infine, si rientra nel grazioso porto il cui andamento semicircolare  fu voluto dai Borbone, ai quali le isole Ponziane appartenevano e progettato dall’architetto Francesco Carpi, allievo di Luigi Vanvitelli, noto per aver ideato la Reggia di Caserta.

 

MODALITA PRENOTAZIONE ED ACQUISTO BIGLIETTI A DISTANZA

 

 

Tariffe 2018 nave veloce + Crociera:

Periodo Adulto 2\12 anni
01 GIU - 15 LUG     € 73,00 € 46,00
16 LUG - 10 AGO € 78,00 € 50,00
11 AGO - 26 AGO € 86,00 € 55,00
27 AGO - 31 AGO € 80,00 € 51,00
01 SET - 09 SET  € 73,00  € 46,00

 

 

Programmi e tariffe possono subire variazioni

 

Agenzia viaggi e tour operator
piazzale Ammiraglio Carlo Bergamini,
snc zona porto - Terracina ( LT )
INFO-LINE: 0773 72 17 48 – 339 77 22 725
email:  info@ponzaturismo.it
web:  www.ponzaturismo.it

Incoming Group
+39.327.19.57.818 - 0773.72.17.48
email:  info@leterrediulisse.it
web: www.leterrediulisse.it
P.I. 00973360597

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter.